Il tocco CHIC... nella vita FIT
Il tocco CHIC... nella vita FIT

FitLife

Come reagisco al mio (brutto) infortunio? Non mollando, anzi!

Un’estate da cancellare, ebbene sì. In molti mi avete seguita e incoraggiata, ma l’infortunio (a seguito di una caduta in bicicletta) che ho subito è stato davvero la batosta che non ci voleva.
Risultato? Al 30 di luglio con partenza programmata per l 1° agosto, tutto saltato e tutto da riorganizzare e, soprattutto, un’estate da accettare così come era: rovinata e immobile.

Questo tipo di frattura non viene, di norma ingessata. Qualcuno potrebbe decidere di mettere delle viti, soprattutto per la frattura che è scomposta. Fatto sta che, nel mio caso, hanno scelto di non farlo. Giusto o sbagliato lo scoprirò solo con il progredire del tempo (dei mesi…).

La diagnosi, una volta arrivata in pronto soccorso, è stata devastante: trauma con frattura branca ischio e ileo pubica sinistra alla quale si è aggiunta una frattura dell’ala sacrale. Insomma il lato sinistro, interno del bacino. Proprio vicino al pube, tanto per intenderci. Read more

Moserissima, la mia prima ciclostorica

Una settimana fa, circa, partivo alla volta della città di Trento per partecipare alla Moserissima. La terza edizione della ciclostorica che celebra i successi del grande campione.

Una Trento infuocata da 38 gradi all’ombra quella che ci ha accompagnati lungo tutti i quasi 60 chilometri di pedalata, sabato 8 luglio.
Colline verdi che accolgono la tenuta di Francesco Moser e i suoi meravigliosi vigneti e colline che hanno fatto da cornice a una pedalata bella divertente e sopratutto coreografica.

I partecipanti (quelli davvero seri), infatti, hanno corso con bici d’epoca – costruita entro il 1987 – e con abbigliamento vintage e d’epoca. Il che significa, per chi non lo sapesse, maglie in lana e scarpe ben lontane quelle tecniche di oggi. Read more

Sellaronda Bikeday: miracolo possibile con Bosch

Una toccata e fuga incredibile, quella organizzata da Bosch per testare le sue ebike, nella formidabile cornice dolomitica della Valgardena in occasione del Sellaronda Bikeday (25 giugno).

Il programma originario avrebbe dovuto prevedere il giro dei quattro passi (Passo Sella, Passo Gardena, Passo Campologno e Passo Pordoi) per un totale di circa 60 chilometri complessivi su e giù per i panorami più belli del mondo. Sì, per me la Valgardena e gli scorci di questi luoghi restano unici al mondo.

Purtroppo il tempo folle, con pioggia a dirotto, da sabato 24 fino a domenica mattina alle 11, ci aveva quasi fatti desistere. Quasi appunto. Finché, alle 11, il cielo ha dato tregua e in meno di mezzora ci siamo ritrovati tutti pronti. Eravamo lì per questo e chissenefregava della pioggia e del freddo! Read more

Lierac Beauty Run, per le donne, con le donne

Attenzione, se pensate di sentir parlare di imprese epiche, uscite da questa pagina. Sì, perché, quello che vi sto per raccontare è “solo” questione di cuore. Di quel cuore che mi fa essere solidale con molte, moltissime donne e che ha corso in un sabato torrido di giugno, la seconda edizione della Lierac Beauty Run.

Un caldo mortale, un sole che non ha dato tregua nelle ore precedenti la partenza (prevista per le 21), ma che non ha fermato gli oltre 2700 partecipanti che, divisi su 3 percorsi (10K competitiva, 10K non competitiva e 5K) hanno colorato una Milano assetata e accaldata.

Per me, seconda volta, onestamente? Poca voglia… fino a quando, varcata la soglia dell’Arena Civica di Milano, ho respirato quell’aria contagiosa fatta di solidarietà, di rosa, di donne coraggiose, di donne pronte a mettersi alla prova, di donne che… non si arrendono. Sì, perché nessuno ferma il rosa, nessuna ferma le donne, recitava il pay off delle maglie delle Pink is Good della Fondazione Umberto Veronesi. Read more

Lybera Cup, alla scoperta delle coppette mestruali

Da ragazza, ho sofferto di cicli dolorosissimi, lunghi, con emorragie abbondanti che trasformavano la mia vita di ginnasta (facevo ginnastica artistica) in un vero calvario. Mi sentivo limitata, incapace di vivere la mia vita.
Vi immaginate indossare il body striminzito con i canonici assorbenti? Vi auguro di non provare mai l’esperienza. Oggi, però, guardo ancora avanti e, vi voglio parlare delle COPPETTE MESTRUALI. Nuove alleate di noi donne sportive che nel 2017 non ci accontentiamo di app e smartwatch, ma vogliamo progressi per renderci la vita sempre un po’ più semplice anche nelle nostre lotte femminili quotidiane: peli superflui, mestruazioni, sesso sicuro, eccetera…

Read more

Bici da corsa: la prima volta non si scorda mai

Sono stata contagiata. Lo dichiaro ufficialmente. Mi avevano avvisata, non ho voluto ascoltare e così… ho voluto provare la bici da corsa. E’ stata la fine. Mi sono divertita come una pazza, mi è piaciuto e voglio rifarlo e rifarlo e rifarlo…

Ecco come è andata.

Essendo sola, mi vergognavo e tecnicamente di bici non ne so quasi nulla, quindi non mi è restato che cercare qualche gruppo, con qualche santo disposto ad “avviarmi” al mondo delle due ruote.

Il web offre di tutto e di più, così, dopo aver chiacchierato online con qualche amica già esperta, sono incappata nel sito dei Turbolento dove ho cominciato a curiosare e ho scoperto che, anche per i principianti, c’è sempre una speranza! Read more

Outshock: Decathlon debutta negli sport da combattimento

Non ho mai preso seriamente in considerazione gli sport da combattimento. Un po’ perché tutto non si può fare, un po’, perché mi hanno sempre messa in soggezione. Fino all’incontro con Outshock by Decathlon.

Una mattinata di training, incontro e scontro (in senso letterale) a colpi di guantoni per scoprire che sono oltre 100 milioni i praticanti di questi sport, in tutto il mondo. Numero che raccoglie entrambi i generi, uomini e donne. Read more

Arena ha messo al sicuro il mio seno…

L’8 di marzo sono stata operata al seno. Mi sono stati asportati due noduli, per fortuna benigni, come ha rivelato l’esame istologico. Inutile dirvi che lo spavento è stato molto. Ma sono stata fortunata e non mi stancherò mai di fare campagna di prevenzione. Visite e controlli annuali, soprattutto dopo i 35 anni, pretendeteli e fateli. Pap test, ecografia mammaria, mammografia se siete più “grandi” come me. Ma fateli, perché la prevenzione aiuta a prendere in tempo anche le cose peggiori.
Qui arriva l’incontro con Arena. Incontro per la presentazione dei nuovi costumi da bagno, ma chiacchierando mi è stato proposto di scegliere e provare i loro reggiseni sportivi. Sì’, mi avevano seguita sui social e desideravano aiutarmi a sentirmi meglio in questo periodo di particolare cautele. Ammetto che l’azienda, nella mia fantasia mentale, era connotata solo al mondo acqua, ma non è così. Read more

Fitbit Alta HR e il sonno non avrà più segreti!

Che Fitbit sia affidabile, si sa. Che Fitbit se ne inventi sempre una, pure. Che Fitbit sia stata tra le prime aziende a lanciare i braccialetti per il monitoraggio dell’attività quotidiana (o activity tracker), anche.

Ecco, perché non mi ha stupito – più di tanto – il recente lancio del Fitbit Alta HR. Si tratta del braccialetto più sottile al mondo con rilevazione continua del battito cardiaco, che combina i vantaggi della tecnologia PurePulse per il monitoraggio della frequenza cardiaca, il riconoscimento automatico dell’attività fisica, il monitoraggio del sonno, una batteria che dura fino a sette giorni e le notifiche smart con un design versatile e sottile, facilmente personalizzabile per adattarsi al proprio stile. Read more

Escape di Quechua: zaino a prova di backpacker

Non so come mai, ma con il passare dell’età, ho più voglia di vita selvaggia rispetto a quando avevo 20 o 30 anni. Sarà la crisi di mezza età? Ed ecco, forse, spiegato il perché davanti al nuovo zaino da montagna firmato Quechua, l’Escape da 50 litri, sono letteralmente impazzita.

Provato, testato da chi in montagna ci va davvero, messo a punto grazie ai suggerimenti del team di tester e specialisti di Decathlon, il nuovo zaino è a prova di backpacker. Sì, di quei viaggiatori con lo zaino in spalla che stanno riprendendo a spopolare in giro per il mondo.

Il concetto che nasce con Escape (presente anche nella versione da 70 litri), infatti, è proprio quello di potersi portare appresso tutto lo stretto indispensabile per decidere on-the-road se cambiare la meta e come affrontare il viaggio.

Non è meraviglioso?
Eccovi perché ho scelto Escape 50 per il mio week end di trekking nella zona di Chiesa Valmalenco, subito dopo averlo ricevuto in regalo. Read more